Trading online: facciamo chiarezza

Parliamo spesso di trading on line ma non sempre è chiaro che cosa sia il trading. Purtroppo ci sono molte opinioni completamente sballate sul trading online, ci sono persone che pensano che il trading è una specie di gioco o un modo per fare soldi. Non è questo. E non è nemmeno una truffa legalizzata come alcuni pensano. Intendiamoci: nel trading esistono le truffe legalizzate (ad esempio, le commissioni sull’eseguito) ed esistono anche le truffe illegali (ci sono broker scam che operano senza autorizzazione).

Ma per chi vuole investire in Borsa con successo e in tutta sicurezza non ci sono problemi: è sufficiente selezionare, in maniera opportuna, i broker scegliendoli tra quelli che sono stati autorizzati e regolamentati da CONSOB e verificando che non vengano applicate le commissioni sull’eseguito.

Tutto sta ad operare con intelligenza
, calma, buon senso. Il problema è che molti ancora devono capire che cosa è veramente il trading online. Solo a partire dalla comprensione della vera natura del trading online si può davvero cominciare a operare sul serio, con profitti alti e rischi bassi. Proprio per questo motivo, possiamo partire dall’analisi di questa pagina http://www.trendvincente.com/trading/cose-trading-online.html che spiega che cosa è e come funziona il trading.

Abbiamo già detto che molte persone pensano che il trading on line sia un gioco facile facile o una truffa legalizzata. Non è nessuna delle due cose. Il trading è in effetti un modo per operare con successo sui mercati finanziari, con un’ottica prevalentemente di breve periodo e comunque marcatamente orientata al profitto.

Insomma, il trading è un modo di fare soldi, nel modo più velocemente possibile e con il rischio più basso possibile, sfruttando le oscillazioni dei mercati finanziari. Non è difficile capire che grazie al trading si possono ottenere profitti elevatissimi ma si può anche perdere soldi. Ebbene sì, i soldi con il trading si possono anche perdere. Può succedere, ad esempio, che si sbagli una previsione di mercato. Oppure che si verifichi un avvenimento imprevisto che sconvolga le Borse e in questo caso non possiamo nemmeno parlare di errore da parte del trader.

In effetti il trading on line è pesantemente dominato dall’incertezza. Chi fa trading deve mettere in conto di poter perdere il proprio denaro. E non è sempre una truffa quando si perde. E non si è sempre brocchi. Anche i migliori trader in effetti hanno i loro momenti no, momenti in cui per un motivo o per l’altro perdono soldi. Ma non per questo si arrendono. Anzi. I migliori trader sono proprio coloro che riescono ad andare sempre e comunque fino in fondo senza arrendersi mai.

Il principiante pauroso, colui che non diventerà mai un grande trader, al primo euro perso inizia a frignare che è stato truffato. Ora se si sceglie con accuratezza la piattaforma di trading, difficilmente si viene truffati. Se si perde è perché si è commesso un errore. Il principiante che vuole crescere deve ammettere il proprio errore e imparare a non ripeterlo. In questo modo l’errore non è una tragedia e anzi è positivo che sia accaduto quando il capitale in gioco era molto piccolo piuttosto che quando in gioco ci sono milioni.